DISUBBIDIENZA DAY

DISUBBIDIENZA DAY

PERSEGUITATI dalle tasse, SUBISSATI dai costi della Pubblica Amministrazione e STANCHI di essere inascoltati e sottomessi a mo’ di schiavi da questo Governo e Parlamento, i comitati di base delle microimprese, artigiani, commercianti, partite IVA, famiglie, consumatori e contribuenti,

HANNO ISTITUITO

IL COORDINAMENTO NAZIONALE PER LA

DISUBBIDIENZA CIVILE

 

come forma di lotta non violenta contro questo Governo (sordo, criminoso, violento ed illegale) per AUTO-TUTELARE la propria vita, le proprie famiglie, la propria dignità e i propri diritti di cittadini liberi in base ai diritti naturali e costituzionali del Proprio Paese. 

 

 

ED HANNO ISTITUITO IL

Registro Nazionale della Disubbidienza Civile

dove CIASCUN CONTRIBUENTE italiano

vessato dalle tasse potrà registrarsi per 

UNIRSI ALLA DENUNCIA

PROPOSTA DAL COORDINAMENTO ALLA COMMISIONE EUROPEA

CONTRO LO STATO ITALIANO

 

PER LA SOSPENSIONE, PER AUTOTUTELA DEL DIRITTO ALLA VITA E ALLA DIGNITÀ PERSONALE DEL CONTRIBUENTE VESSATO E DELLA PROPRIA FAMIGLIA, DA TUTTI GLI OBBLIGHI RIVOLTOGLI IN QUALITÀ DI CONTRIBUENTI dalle leggi, decreti, disposizioni, circolari e quant’altro emessi o sostenuti e/o reiterati in materia fiscale dal governo italiano e dal parlamento perché le predette norme, nel loro complesso, sono evidentemente vessatorie, illegittime ed emesse in contrasto con il dettato ed i principi degli artt. 31, 36, 47 e 53 della Costituzione italiana; nonché in violazione del trattato di roma del 1957; nonché in violazione della carta universale di diritti dell’uomo;

E CONTEMPORANEAMENTE

DICHIARA DI ORGANIZZARE VARIE MANIFESTAZIONI DI PROTESTA

PACIFICHE CONTRO TASSE E TRIBUTI NON DOVUTI.

In attesa delle decisioni adottate da parte della CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA.

 

Estratto del Ricorso alla Corte di Giustizia Europea

Ritenuto che 

-  In base all’art. 53 della Costituzione italiana – che recita ”Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva” – ciascun cittadino è chiamato a contribuire alle spese dello Stato proporzionalmente al proprio reddito;

Ritenuto che

La pressione fiscale attualmente in Italia è pari al 68,5% come qui sotto riportato:

simulazione tasse 2013 professionista comm artigiano

Rilevato che

La sentenza del Consiglio di Stato n.5451 del 18/12/2013 ha dichiarato il 75% dei dirigenti dell’Agenzia dell’Entrate illegittimi nel ruolo e nella funzione per violazione della legge sul Pubblico Impiego; e che quindi anche per le cartelle EQUITALIA discendenti ne consegue nullità;

Ritenuto che

L’assurda pressione fiscale ha prodotto un’ulteriore aggravamento della crisi economica e finanziaria, ed ha prodotto nell’ultimo semestre 2013 ben 95.000 fallimenti, 400.000 procedimenti di esecuzione forzata su immobili di contribuenti impossibilitati a difendersi secondo il principio dei tre gradi di giudizio previsti dal nostro ordinamento giudiziario, oltre che ben 240 suicidi (da giugno 2013 a gennaio 2014) di artigiani e imprenditori ormai soli e abbandonati dallo Stato;

Rilevato che

Quanto sopra descritto è stato denunciato con gran rilievo sui media nazionali e internazionali a giugno del 2013 con la famosa manifestazione di COBAS IMPRESE degli imprenditori in mutande;

Ritenuto che

Nonostante il 30 novembre COBAS IMPRESE, a nome di migliaia di imprenditori, abbia lanciato a Piazza Montecitorio l’ULTIMATUM DAY al Governo per chiedere la riduzione drastica dei costi della Pubblica Amministrazione, divenuti ormai insostenibili, presentando PROPOSTE concrete al Governo Letta per il recupero dell’economia ormai moribonda e liberare il cappio oppressivo ai contribuenti italiani costituito da ben 100 gabelle (imposte) e da una macchina assassina come Equitalia chiedendone la riforma;

RILEVATO CHE

NULLA E’ STATO FATTO DA QUESTO GOVERNO NE’ DAL PARLAMENTO

ANNUNCIAMO IL

DISUBBIDIENZA DAY

ROMA – 29 MARZO 2014

PER PRETENDERE DA GOVERNO E PARLAMENTO DI

EMANARE PER TUTTI I CONTRIBUENTI ITALIANI UNA MORATORIA DI TUTTE LE IMPOSTE, SANZIONI, INTERESSI E MORE A QUALSIASI TITOLO IN ATTO CONTRO DI ESSI

PER CONSENTIRE LA “RICOSTRUZIONE” DELL’ITALIA E IL RISORGERE DEL BENESSERE DEGLI ITALIANI, DA SEMPRE POPOLO DI LAVORATORI E PER RIPRENDERCI LA DIGNITA’ ED IL BUON NOME DELL’ITALIA NEL MONDO

 

 

logoFBEVENTO SU FACEBOOK

 

sostienici   SE VUOI PARTECIPARE O SOSTENERCI

Le sedi entra in azione ufficio legale ufficio legale Area Riservata Area Riservata Le sedi

 

Le sedi
YouTube Feed RSS Facebook Twitter
footer